Irgoli e il monte Albo, nel cuore di Nuoro

Un viaggio emozionante alla scoperta del paesaggio incontaminato di Albo, il monte bianchissimo della Sardegna a due passi da Irgoli

Irgoli e il monte Albo, nel cuore di Nuoro

Il monte Albo (Provincia di Nuoro) è dal nome e dalla conformazione un rilievo unico. E Irgoli ne beneficia per la bellezza di quella che viene chiamata la “dolomite sarda”.

A dominare su tutte, come particolarità, è il suo colore bianco, incredibilmente bianco. Chissà, una volta poteva essere anche usata quale casa, quale rifugio dagli abitanti della zona, dai preistorici. Adesso invece è tutto un crescere di vie ed itinerari che gli escursionisti del momento adoperano in modo sistematico. D’altra parte tutto il monte Albo è oasi faunistica per proteggere mufloni ed aquile reali che lo popolano.

Ma la Regione Sardegna ha messo in chiaro quale sono le bellezze del Monte nella sua pubblicazione a cominciare dalla sua punta, “sos Aspros”: “Lungo i sentieri si possono osservare sos pinnettos, antiche capanne circolari dei pastori in pietra e legno. Da non perdere la foresta di lecci secolari di Talachè. Vicino, sulle pendici del Senes, c’è il complesso di Janna ‘e Pruna, di età tra Bronzo finale e inizio del Ferro (XII-IX secolo a.C.); e poi un tempio articolato in atrio sub-rettangolare e cella circolare, forse in origine coperta a falsa cupola. Attorno un temenos (recinto sacro), a sua volta racchiuso da recinzione muraria. A circa 200 metri dal complesso sacro, a 500 metri d’altezza, spicca una coeva fonte sacra, s’Untana ‘e su Zigante, gioiello architettonico costruito con basalti squadrati e nuraghe e fonte su Notante, risalenti a Bronzo recente e finale (XII-X a.C.). Si conservano parte della facciata (un rivestimento addossato alle rocce) e il pozzetto di captazione della sorgente, con ingresso, copertura e vasca”.

Davvero un luogo magico che merita di essere vissuto appieno e scoperto in ogni sua essenza, soprattutto nel cuore della sua natura più bella e incontaminata. Un viaggio in quella che è la Sardegna più autentica.

Commenta l'articolo (0)

Per commentare l'articolo devi effettuare l'accesso